Get Adobe Flash player

NEWSLETTER
Fondazione Mago Sales

btn donateCC LG

 

CONTATTI

 

RECAPITI

 

p libro-ospiti

 

 

logo smilab

 C.F. 97619820018
P.Iva 08860260010

t-progetti

Gaza

Gaza

18 AGOSTO 2014 - PROGETTO GAZA Sono i bambini dell'oriente,...

Siria

Siria

Ad esempio, durante un viaggio del mago Sales in...

Filippine

Filippine

Filippine - CebuEstate 1965, Mago Sales di fronte ai...

Liberazione bambini di fabbrica

Liberazione bambini di fabbrica

PROGETTO CAMBOGIA : liberazione bambini di fabbrica La Fondazione...

PROGETTO BENIN

ASSISTENZA ALLE BAMBINE VENDUTE COME SCHIAVE Con le SUORE DI...

Progetto di suor Serafina - Kenya costruzione di tanks

Progetto di suor Serafina - Kenya costruzione di tanks

Continuiamo ad sostenere l'opera di suor Serafina, missionaria della Consolata...

Liberazione Bambini Soldato

Liberazione Bambini Soldato

AFRICALiberazione Bambini Soldato   Maggiori informazioni: Centro don Bosco Ngangi...

Progetto liberazione bambini di fabbrica - Cambogia

Progetto liberazione bambini di fabbrica - Cambogia

Sognavo di essere felice come tutti i bambini normali e...

Progetto Gulu Uganda 2011

Progetto Gulu Uganda 2011

Richiesto e ben presentato dal gruppo: Worl Capital S.r.l.Nel giornalino...

  • Gaza

    Gaza

  • Siria

    Siria

  • Filippine

    Filippine

  • Liberazione bambini di fabbrica

    Liberazione bambini di fabbrica

  • PROGETTO BENIN

  • Progetto di suor Serafina - Kenya costruzione di tanks

    Progetto di suor Serafina - Kenya costruzione di tanks

  • Liberazione Bambini Soldato

    Liberazione Bambini Soldato

  • Progetto liberazione bambini di fabbrica - Cambogia

    Progetto liberazione bambini di fabbrica - Cambogia

  • Progetto Gulu Uganda 2011

    Progetto Gulu Uganda 2011

18 AGOSTO 2014 - PROGETTO GAZA

Sono i bambini dell'oriente, della terra di Gesù... Figli invisibili di una terra che non trova pace, ma che non si rassegna a vivere nella disperazione.

 

La notte di san Lorenzo, Basil Salem, un bambino di Gaza di 8 anni, guarda il cielo per vedere una stella cadente e pensa: "Qualcuno su questa terra, busserà ancora alla mia porta per donarmi una speranza e un sorriso?"

 

Marco, meglio conosciuto come Clown Pimpa, collaboratore della Fondazione Mago Sales da alcuni giorni si trova a Gaza. Di lui vi abbiamo già parlato nella precedente richiesta di aiuto ai bambini palestinesi dell'unica parrocchia Cattolica nel cuore di Gaza. E' stato lanciato un appello per una raccolta fondi e alcuni di voi hanno già risposto con grande generosità.

 

Vi riportiamo qui la nuova testimonianza di Marco con i suoi ringraziamenti a quanti di voi hanno compiuto un gesto di solidarietà. Insieme rinnoviamo la richiesta di nuovi aiuti per venire incontro alle prime necessità dei cattolici e dei bambini di Gaza.

 

16 AGOSTO 2014 - REPORTAGE DI MARCO A GAZA DOPO I BOMBARDAMENTI

“Con la gentilissima Sabah abbiamo fatto un lungo e angosciantissimo giro per Beit Hanun, nel nord della Striscia e poi nel quartiere di Sujayia.

Qualche foto, che potete vedere qui sotto, rende molto malamente l’idea del livello estremo delle distruzioni in questi quartieri. Nel seminterrato del palazzo (vedi le prime foto della galleria qui sotto) ero stato un paio di volte a trovare una famiglia miserrima con persone malate a carico. Impossibile sapere dove siano finiti.

Durante il nostro giro abbiamo visitato anche alcune delle famiglie della parrocchia e abbiamo constatato che, se erano messe male prima, ora si trovano in una situazione disastrosa e non sappiamo come alleviare le loro miserie. Ho preso qualche foto solo per i casi meno inguardabili. Ho chiesto a Sabah di usare parte del denaro che ho portato con me per materassi, vestiti per i bimbi e cibo.

Abbiamo anche fatto tappa in due case danneggiate dalle bombe i cui proprietari sono persone amiche.

Ultima tappa della giornata nella scuola “grande” della parrocchia latina che ospita centinaia di profughi (35-40 per aula più molti, soprattutto uomini, nel cortile) un’aula al piano terra è stata adibita per organizzare gli aiuti di base – cibo, materiale per la pulizia ecc.- portati dalla Caritas.

Resta che, grazie a Dio, nei quartieri della città che poco o nulla sono stati colpiti la vita scorre di nuovo quasi come se tutto fosse già passato e chiuso nei ricordi.

Comunque, come sempre, dopo qualche ora di full immersion in questa ingiustizia inenarrabile il primo desiderio è quello di andarsene. Tuttavia, sono convinto che qualche cosa si può e si deve fare…e regalare anche solo un sorriso in questa notte, serve a far diminuire la paura e far sentire meno soli questi nostri fratelli.

Ringrazio coloro, che attraverso la Fondazione mago Sales, hanno già dato un contributo per venire incontro alle prime necessità.

Continuate a darmi una mano a non far perdere la speranza in questi piccoli della terra di Gesù

La guerra come Occasione

Messo per un attimo da parte l'orrore.
Provo a vivere questa guerra come una occasione!
Occasione di crescita come clown e uomo.
In guerra l'essere umano e' semplicemente estremo, nel bene come nel male.
E l'estremo nel bene.. diventa eroico!!
Come quella madre che, per Proteggere la figlia dalle bombe, smetterà di camminare. 
Come quel prete, chiuso in una chiesa, pronto a Proteggere con la sua vita, 29 piccole creature.
Ogni giorno qui a Gaza e' una storia straordinaria!
E' l'Occasione di incontri eroici!!!
Ma la parola eroe non basta per i piccini;
loro riescono ancora a sorridere.
Il loro viso furbo si illumina subito davanti ad una piccola magia.
E' il riaccendersi della fantasia che li rende felici... 
In questo "breve" mondo fantastico, loro sono i miei super-eroi!!!

Oltre i super-eroi, volano gli angioletti… 467!!!

La guerra come occasione quindi...
Occasione di gustare sino in fondo, il sapore della Pace!!

Gaza: Dati approssimativi di una catastrofe

2000 morti 467 bambini

10000 feriti

800000 persone che vivono grazie agli aiuti dell'ONU 

250000 persone hanno perso la casa

 

Fortunatamente tutti i cattolici della parrocchia stanno bene e non hanno perso la casa.

I bambini cristiani e non, quando non feriti hanno problemi di diarrea, perdono i capelli e non riescono più a stare in casa da soli per la paura della guerra.

Un saluto 
Un abbraccio 
E una preghiera per la pace
Marco il Pimpa

contentmap_plugin

 

p contatta-mago

p contatta-mago

logo-pdf

btn donateCC LG

logo smilab

logo smilab

Visitor counter, Heat Map, Conversion tracking, Search Rank
contentmap_module