Get Adobe Flash player

NEWSLETTER
Fondazione Mago Sales

btn donateCC LG

 

CONTATTI

 

RECAPITI

 

p libro-ospiti

 

 

logo smilab

 C.F. 97619820018
P.Iva 08860260010

t-progetti

Gaza

Gaza

18 AGOSTO 2014 - PROGETTO GAZA Sono i bambini dell'oriente,...

Siria

Siria

Ad esempio, durante un viaggio del mago Sales in...

Filippine

Filippine

Filippine - CebuEstate 1965, Mago Sales di fronte ai...

Liberazione bambini di fabbrica

Liberazione bambini di fabbrica

PROGETTO CAMBOGIA : liberazione bambini di fabbrica La Fondazione...

PROGETTO BENIN

ASSISTENZA ALLE BAMBINE VENDUTE COME SCHIAVE Con le SUORE DI...

Progetto di suor Serafina - Kenya costruzione di tanks

Progetto di suor Serafina - Kenya costruzione di tanks

Continuiamo ad sostenere l'opera di suor Serafina, missionaria della Consolata...

Liberazione Bambini Soldato

Liberazione Bambini Soldato

AFRICALiberazione Bambini Soldato   Maggiori informazioni: Centro don Bosco Ngangi...

Progetto liberazione bambini di fabbrica - Cambogia

Progetto liberazione bambini di fabbrica - Cambogia

Sognavo di essere felice come tutti i bambini normali e...

Progetto Gulu Uganda 2011

Progetto Gulu Uganda 2011

Richiesto e ben presentato dal gruppo: Worl Capital S.r.l.Nel giornalino...

  • Gaza

    Gaza

  • Siria

    Siria

  • Filippine

    Filippine

  • Liberazione bambini di fabbrica

    Liberazione bambini di fabbrica

  • PROGETTO BENIN

  • Progetto di suor Serafina - Kenya costruzione di tanks

    Progetto di suor Serafina - Kenya costruzione di tanks

  • Liberazione Bambini Soldato

    Liberazione Bambini Soldato

  • Progetto liberazione bambini di fabbrica - Cambogia

    Progetto liberazione bambini di fabbrica - Cambogia

  • Progetto Gulu Uganda 2011

    Progetto Gulu Uganda 2011

ASSISTENZA ALLE BAMBINE VENDUTE COME SCHIAVE

Con le SUORE DI MARIA AUSILIATRICE :
Operano in Benin nella zona di Cotonou e la responsabile si chiama suor Maria Antoniatta Marchese e hanno un progetto: dare assistenza alle bambine vendute come schiave e impiegate nel mercato Dantokpa di Cotonou.
 
Situazione del paese
Il Benin è un paese molto povero, con una economia basata sull’agricoltura di sussistenza e sulla coltivazione del cotone il cui prezzo in questi ultimi anni è crollato; dal 1990 è una democrazia presidenziale e multipartitica con elezioni regolari ogni cinque anni.
Una delle maggiori piaghe del Benin è in particolare sul fenomeno dei “vidomegons” che in lingua fon vuol dire “bambini piazzati o trafficati”. Questa tradizione all’inizio aveva uno scopo di solidarietà: le bambine/i delle zone rurali ove non vi erano scuole, venivano affidate alle famiglie allargate o a degli amici che vivevano in città, la bambina/o frequentava la scuola ed era mantenuta in cambio di alcuni lavori domestici. Dagli anni ’80 questa tradizione è degenerata: le bambine/i, a volte in tenerissima età, vengono vendute/i per pochi soldi a persone che le sfruttano, spesso usano loro violenza anche sessuale, non frequentano la scuola, lavorano nei mercati o nelle piantagioni. Alcune/i vengono rivendute all’estero (Nigeria, Gabon ecc.).
 
L’opera delle missionarie
Le suore salesiane hanno costruito nel mercato, all’interno di un parcheggio frequentatissimo, una “baracca” di accoglienza ove le bambine/i possono trascorrere un po’ di tempo; infatti a seguito di una contrattazione con le padrone/i viene concessa loro qualche ora di libertà per seguire corsi di alfabetizzazione e di apprendimento professionale (parrucchiera, sartoria ecc.) ai quali partecipano con grande entusiasmo. Si svolgono anche intrattenimenti ludici (canti, danze ecc.).
Suor Maria Antonietta ha inoltre aperto un “foyer” diviso in due sezioni: una di breve permanenza in attesa del reinserimento nella famiglia di origine, l’altra di più lunga durata (due-tre anni) per i casi più problematici. Una psicologa una volta alla settimana fa incontri di gruppo e, quando necessario, anche individuali.
Il reinserimento nelle famiglie di origine, generalmente ben riuscito, a volte può risultare complicato perché le bambine/i non ricordano il villaggio ove abitavano né il proprio cognome. Nei casi di assoluta impossibilità di rintracciare i parenti o quando vi è il rischio di una nuova vendita, le bambine/i vengono affidate a famiglie di qualsiasi religione, ma non poligame, scelte dopo un’approfondita indagine sui valori morali con particolare attenzione alle figure maschili.
 
Progetto 2011

Formazione agricola di 20 ragazze a gruppi di dieci per volta da giugno a novembre 2010 nella nostra fattoria la Valponasca 
Richiesto dal gruppo: Volontari di Rivalta (To) per i ragazzi.

Costi preventivati:
Coordinatore della fattoria per 6 mesi               € 2000 
Salario formatori (in numero di 3 per 6 mesi ) € 3000 
Alimentazione per le 20 ragazze per 6 mesi    € 2800 
Sanità                                                                         € 300 
Viaggi e comunicazioni                                          € 200 
Materiale per la fattoria                                           € 800 
Gasolio per il gruppo elettrogeno                        € 400 
                                                                                   ---------
                                                                                 € 9500 

Per suor Maria Antonietta é tanto importante la formazione agricola per prevenire il traffico delle minori.

contentmap_plugin

 

p contatta-mago

p contatta-mago

logo-pdf

btn donateCC LG

logo smilab

logo smilab

Visitor counter, Heat Map, Conversion tracking, Search Rank
contentmap_module